Home » Approfondimenti » Beni trasportati o spediti nella UE da acquirente o da un terzo per suo con

Beni trasportati o spediti nella UE da acquirente o da un terzo per suo con

Se i beni sono trasportati o spediti dall’acquirente o da un terzo per suo conto è necessario venga rilasciata una dichiarazione con la quale il cliente certifichi che la merce è giunta nel Paese di destinazione più altre prove

Beni siano stati trasportati o spediti dall’acquirente o da un terzo per suo conto 

 

Nel caso in cui i beni siano stati trasportati o spediti dall’acquirente o da un terzo per suo conto è necessario prima di tutto che venga rilasciata dal cessionario/acquirente una dichiarazione con la quale il cliente certifichi che la merce è giunta nel Paese di destinazione.

Tale dichiarazione deve riportare:

  • la data di rilascio;
  • il nome e l’indirizzo dell’acquirente;
  • la quantità e la natura dei beni;
  • la data e il luogo di arrivo;
  • nel caso di cessione di mezzi di trasporto, il numero di identificazione del mezzo di trasporto;
  • l’identificazione della persona che accetta i beni per conto dell’acquirente.

 

Tale dichiarazione, che deve essere  fornita dall’acquirente al venditore entro il decimo giorno del mese successivo alla cessione, costituisce un elemento di prova necessario ma non ancora sufficiente, in quanto il venditore dovrà essere il possesso, oltre alla descritta dichiarazione,

ma anche:

  • di almeno due degli elementi di prova di cui al gruppo a), rilasciata da due diverse parti indipendenti l’una dall’altra 

oppure;

  • di uno qualsiasi dei singoli elementi di cui al gruppo a) in combinazione più/con uno qualsiasi dei singoli elementi di prova di cui al gruppo b) che confermano la spedizione o il trasporto, rilasciati da due parti indipendenti l’una dall’altra.

 

Elementi di prova di cui alla lettera  a):

  • documento o una lettera CMR riportante la firma del trasportatore professionale, spedizioniere (si ritiene che si faccia riferimento alla firma del trasportatore che ha preso in carico la merce);
  • fattura emessa dallo spedizioniere.
  • polizza di carico;
  • fattura di trasporto aereo;

Elementi di prova di cui alla lettera b):

  • polizza assicurativa relativa alla spedizione o al trasporto dei beni o i documenti bancari attestanti il pagamento della spedizione o del trasporto dei beni;
  • documenti ufficiali rilasciati da una pubblica autorità, ad esempio un notaio, che confermano l’arrivo dei beni nello Stato membro di destinazione;
  • ricevuta rilasciata da un depositario doganale nello Stato membro di destinazione che confermi il deposito dei beni in tale stato membro.

 

Appare evidente come non sia possibile produrre le prove prescritte dal Regolamento nei casi in cui il trasporto sia effettuato direttamente dal cedente o dal cessionario con mezzi propri o di come possa essere molto difficile ottenere tali documenti nel caso in cui il trasporto venga eseguito da un vettore incaricato dal cessionario.

 

- Dott. Umberto Pavoni -

Dove Siamo

- Dott. Umberto Pavoni -

Chi Siamo

- Dott. Umberto Pavoni -

Metteteci alla Prova

- Dott. Umberto Pavoni -

circolari

- Dott. Umberto Pavoni -

Omaggi Natalizi

- Dott. Umberto Pavoni -

Operazioni di scissione

- Dott. Umberto Pavoni -

Paesi in Black List

- Dott. Umberto Pavoni -

Affitti e cedolare secca 20%

- Dott. Umberto Pavoni -

collaboriamo con